95 metri d’oro massiccio, è la mecca dei buddisti

Da una settimana cerco di fare ordine mentale per descrivere questi tre mesi di viaggio. É come bloccare il tempo, darsi la possibilità di guardare verso il cielo vertiginoso, trovarci la punta di uno stupa, le foglie di un albero al rovescio, la curva di una nuvola. E poi il becco di un rapace: lo puoi contemplare senza limiti di tempo, senza lo squillo del telefono a interrompere un momento che sembra durare un anno. Non drin.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Noto che in questi giorni puntualmente propongo la descrizione della Shwedagon Paya, uno di quei luoghi-shock, che quando alzi il naso ti senti tu, il Buddha illuminato.  E vuoi restare lí. Ti piacerebbe annotare i cambiamenti della luce, vedere chi arriva e perché, entrare in quei piccoli templi. Perché non ho un altro obiettivo per fissare la luce porc…? o la Leica M di Doisneau.

A Yangon tornerei senza dubbio per te, Paya.
Licenza Creative Commons
95 metri d’oro massiccio, è la mecca dei buddisti di Alessia Biasatto è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...